Medio fondo di Cicloturismo MEMORIAL FORNARA

Abbiamo condiviso oggi l’evento cicloturistico da sempre fiore all’occhiello dell’A.S.D. Cicloamatori Borgomanero, il “Memorial Pasqualino Fornara”, meglio conosciuto in gergo tra i cicloamatori locali come “La cicloturistica della Colma”.

Il percorso, leggermente modificato causa la chiusura per lavori del ponte a Rovasenda, si snoda partendo in leggera discesa dalla valle dell’Agogna fino al limite superiore delle risaie a Barengo, per attraversare le tipiche dolci colline cosparse di vigneti dei “colli novaresi” e discendere in Valsesia  a Fara N.se, attraversare il Sesia a Ghislarengo e risalire dolcemente da Rovasenda a Gattinara. Tratto di statale obbligato fino alla rotonda di Roasio e, da qui, scollinare a IMG_20160717_103843Sostegno per rientrare a Bornate dove ci aspetta un lauto ristoro a base di costate e frutta fresca.

Ripartiti lungo la S.S. della Valsesia, già intasata dal traffico automobilistico dei villeggianti domenicali, ci defiliamo in zona Isolella e passiamo sulla vecchia statale attraversando Quarona e Roccapietra fino al bivio per il passo della Colma. Tratto libero fino al passo (942 s.l.m.), circa 9 km intramezzati da un tratto in discesa dopo Civiasco che ha creato qualche problema di crampi ai meno allenati, e rinfresco al passo, dove sono stati rilevati i migliori passaggi dei concorrenti suddivisi in tre fasce d’età, successivamente premiati con una borsa di prodotti alimentari.

Rientro alla francese lungo percorso segnalato, con scorci sul lago d’Orta che da soli appagano della fatica precedente, e a gruppi scortati da motostaffetta, dopo aver percorso un totale di 116 km.

Consegna dei premi da parte di Luca Fornara, figlio del grande campione borgomanerese Pasqualino, alla presenza dell’Ass.re per lo Sport, dott. Pierfranco Mirizio.

Per completare la bella giornata in compagnia, pranzo sotto al tendone dei festeggiamenti di San Bernardo a base di un buon piatto di riso, preceduto da un bel prosecchino, assaggi di Palzola accompagnato dai vini dei colli novaresi offerti dalla cantina Lorenzo Zanetta, dolce e caffè, servizio degno delle migliori granfondo ( e qualitativamente di livello ben superiore!!)

Nonostante un problema tecnico ad una motostaffetta, ineccepibile l’organizzazione che ha comunque sempre garantito la gestione di tutti gli incroci con altre tre moto, servizio sanitario e furgone scopa al seguito, mantenendo il gruppo di padalatori compatto fino ai piedi del tratto libero in salita.

Tutto questo grazie al costante impegno della C.A. Borgomanero che pone prioritario la qualità del servizio offerto a qualsiasi scopo di lucro, ma che oggi, visto la scarsa adesione di pedalatori, (< 60), si deve chiedere fino a che punto vale la pena di adoperarsi per realizzare qualcosa di unico nel panorama cicloturistico provinciale senza ricevere in contraccambio un benchè minimo riscontro in fatto di partecipazione.

Nel ringraziare tutti coloro che hanno permesso il regolare svolgimento della manifestazione, il comitato dei Festeggiamenti di San Bernardo per l’ospitalità e i pedalatori, si coglie l’occasione per augurare a tutti buone e sane pedalate.

Alagna… ai piedi del Free Ride Paradise

Alagna 2016-1No! Non abbiamo sbagliato stagione… questa volta ad Alagna ci siamo andati in compagnia delle ns. fidate specialissime a due ruote. E se per scendere dall’Olen a 135 km/h ci vogliono un buon paio di sci e un po di fegato, per andare ad Alagna in bici bastano un po di cuore e.. un soprasella un po allenato.

ai piedi del Tagliaferro

ai piedi del Tagliaferro

Siamo partiti presto questa mattina per sfruttare le ragionevoli temperature delle prime ore della giornata e, in allegra compagnia, siamo arrivati a Scopello dove abbiamo optato per la classica pausa caffè, nei successivi 20 km necessari a giungere ad Alagna si devono superare altri 600 mt di dislivello… in auto non si vede neanche la salita, in bici un po meno… comunque ben presto abbiamo dovuto accendere le luci per entrare nelle gallerie di Riva Valdobbia..  e siamo arrivati di fronte a sua maestà “Monte Rosa”, oggi dalle cime coperte da un cappello di nuvole.

Ristoro e inevitabili foto di rito presso la pasticceria accanto agli impianti di risalita, e via, finalmente tutto in discesa fino a Varallo Sesia, già brulicante di turisti e di assonnate bancarelle  in occasione del’Alpaa, conosciutissima festa di inizio estate che impegna tutto il paese,  e a seguire Borgosesia… e qui, non sazi di salite, scollinamento attraverso la Cremosina, per rientrare a Borgomanero dopo 150 km. e un abbondante migliaio di mt. di dislivello…

Anche oggi è andata…e domenica c’è la nostra Cicloturistica della Colma… buone pedalate a tutti!!

Daniela e Francesco… signori nella vita e in bike!

Daniela Cascata ToceIn preparazione del ns. pellegrinaggio a Roma in programma nella seconda settimana di agosto proseguono le pedalate di preparazione… ieri Daniela e Francesco, visto la bellissima giornata ma con temperature decisamente estive, hanno deciso di andare a cercare un po di frescura in alta val Formazza,alla Cascata del Toce. Uno dei luoghi più incantevoli del VCO, raggiungibili dopo 50 km di salita da Domodossola. Complimenti a loro, 220 km con 2000 metri di dislivello non sono cifre alla portata di tutti i cicloturisti.

Praticamente nel giro di una settimana hanno pelato attraverso le valli più belle dell’Ossola, Dopo la Centovalli e la Val Vigezzo, (conosciuta come “la valle dei pittori” tanto per capire di quali scorci naturalistici ci si può lustrare gli occhi!!..), che abbiamo avuto il piacere di percorrere assieme domenica scorsa, oggi si sono decisamente superati. Bravissimi.

La Centovalli

IMG_20160703_085227Abbiamo pedalato oggi la “Centovalli”, cicloturistica con partenza alla francese organizzata dagli amici del Bici Club Omegna e ormai diventata un classico per i cicloturisti della zona nella prima domenica di luglio. Il percorso, tra i più belli, paesaggisticamente, in assoluto,  ci porta da Omegna ad attraversare il fiume Toce poco dopo Gravellona ed ha raggiungere il lago Maggiore in località Fodotoce per poi risalire la S.S. che costeggia l’omonimo lago fino ad entrare in territorio Elvetico e, ad Ascona, inforcare la Centovalli, salita nell’altrettanto incantevole Valle che ci porterà a Re, Malesco e Santa Maria Maggiore, dove viene collocato il punto di ristoro, IMG_20160703_105722offerto dall’Albergo Miramonti in prossimità della Stazione Ferroviaria della Vigezzina. Da qui inizia la parte più noiosa del percorso, discesa a Masera e rientro attraverso il fondovalle della Valdossola, dove più che i continui “mangia e bevi” è il vento contrario che soffia in direzione Nord a farla da padrona, e si cerca sempre di trovare qualche gruppo con il quale condividere la fatica di avanzare.

Al rientro ad Omegna ci attende l’abbondante “pasta-party” offerto dalla Pro Loco e dal Circolo Galileo Ferraris… e un’immancabile boccale di birra fresca, con ancora negli occhi il riflesso argentato dei primi raggi del sole mattutino nelle acque increspate del lago, al quale un cielo particolarmente limpido e turchese dona un colore blu cobalto di rara bellezza.

Segnatevi questa data per il prossimo anno… ne vale veramente la pena!!

Buone pedalate a tutti.

Campionato Regionale di Cicloturismo ACSI-Piemonte

Si è svolto sabato pomeriggio il Regionale di Cicloturismo Acsi con prova unica a San Pietro Mosezzo (NO), organizzato dall’A.S.D. Novara che Pedala che annovera tra le proprie fila il responsabile provinciale per Novara e VCO, Alberto Filippini.

IMG_20160702_145207La partecipazione, vuoi per le condizioni meteo instabili di questo inizio estate, vuoi perchè solo le squadre con un elevato n° di iscritti potrebbe essere competitiva per la classifica finale, non è stata quella prevista, e poco più di 120 cicloamatori hanno pedalato lungo un percorso di poco meno di una settantina di km, per lo più attraverso le risaie del basso novarese, con il solo scollinamento in corrispondenza dello spartiacque naturale tra Valsesia e Valle dell’Agogna, tra Ghemme e Cavaglio.

L’andatura regolare e la scorta tecnica efficiente hanno reso tutto facile ed evitato qualsiasi intoppo con una sola sosta tecnica per raggruppare i partecipanti dopo lo scollinamento a Cavaglio.

IMG_20160702_175005Per la cronaca la vittoria è andata al Team MYG, seguita da Cicloamatori Novara e Team Valli del Rosa IMG_20160702_175048

IMG_20160702_175131